In evidenza

Le criticità dell’economia

Tantissimi auguri per il nuovo anno, cara economia! Sì, perché ne hai proprio bisogno. Il nuovo anno sarà duro per tutti e quindi un po’ di fortuna e di buon auspicio non guastano. Le ultime settimane dell’anno appena finito hanno mostrato tutte le criticità che ritroveremo anche nel prossimo.
A differenza di quanto si era prospettato, purtroppo il virus non si è arrestato, anzi una nuova variante si è fatta strada. Questo ha nuovamente causato problemi ai settori economici che già soffrivano, e non poco, a causa degli ultimi due anni di pandemia. Il settore del turismo, dei trasporti privati, degli eventi, della ristorazione, ma anche i piccoli commercianti, gli artigiani che aspettavano il periodo natalizio per poter dare una svolta alle loro attività, hanno purtroppo dovuto fare i conti con l’ennesima ondata. Emblematico quanto successo negli ultimi giorni nel settore dei trasporti aerei. Alle difficoltà legate alle restrizioni dei viaggi tra le nazioni che avevano causato molti annullamenti, si sono aggiunte quelle relative alle quarantene del personale di bordo e di terra. Questo ha portato alla cancellazione di migliaia di voli; fatto che pregiudicherà ulteriormente la già delicata situazione delle compagnie aeree e degli aeroporti. E le quarantene non si limitano a questo settore, anzi. Si arrischia ora di tenere a casa migliaia di collaboratori e collaboratrici paralizzando l’intero sistema economico.
Ma non finisce qui. Ai problemi legati alla pandemia si aggiungono quelli degli approvvigionamenti internazionali. Le catene di fornitura sono in difficoltà e lo sono oramai da mesi. Non c’è ragione di credere che la situazione si risolverà miracolosamente a breve. E che dire dell’aumento vertiginoso dei prezzi delle materie prime? I nostri imprenditori e le nostre aziende devono fare i conti anche con questo. Ritardi, aumenti dei prezzi, mancanza di materiale stanno mettendo sotto pressione tutti i nostri comparti produttivi.

Come se non bastasse, si aggiunge la penuria di energia che fa lievitare anche questi prezzi. E pare che non sarà una fase transitoria come alcuni sperano. La necessità di utilizzare sempre di più forme di energia pulita, ci sta purtroppo riportando verso l’energia nucleare. In maniera un po’ bizzarra è come se i giovani che scendono oggi nelle piazze a manifestare per il clima avessero fatto scacco matto ai giovani che scendevano in piazza vent’anni fa contro il nucleare.

E che dire dei precari equilibri geo-politici con Russia e Cina sempre sul piede di guerra? Di certo non ci fanno dormire sonni tranquilli.

Dati tutti questi drammi e queste incertezze non ci resta che tenere le dita incrociate e fare tantissimi auguri per il nuovo anno alla nostra cara economia!
Tratto dal Corriere del Ticino del 12.01.2022

La versione audio: Le criticità dell’economia
Iniziativa per l'abbandono del nucleare - DATEC
©Fotolia
In evidenza

Russia, Cina e Kazakistan sono grandi “amiche”

L’aumento dei prezzi ha scatenato l’ennesima rivolta dei cittadini. Questa volta in Kazakistan.
Il Kazakistan è la nazione più grande dell’Asia Centrale: il suo territorio ha una superficie pari a quella dell’Europa Centrale. Conta circa 19 milioni di abitanti (la Svizzera circa 8.5 milioni). Oltre a confinare con diversi stati dell’ex Unione Sovietica di cui è stata una Repubblica fino al 1991, annovera tra i suoi vicini, la Russia e la Cina. E non a caso questi due “amici” sono intervenuti a sostegno del governo per reprimere la rivolta scoppiata a inizio gennaio, quando il popolo è sceso in piazza per protestare contro l’aumento vertiginoso del prezzo del gas, in particolare del Gpl (gas di petrolio liquefatto). Fino a quel momento il governo era intervenuto fissando un limite massimo al prezzo. Questo limite è stato tolto ufficialmente per consentire alle imprese produttrici private di fare profitti dato che è necessario ammodernare gli impianti e costruirne di nuovi. Ma il prezzo è raddoppiato in pochi giorni. Da qui la protesta di piazza. Ma come mai Cina e Russia sono intervenute così in fretta per sostenere questo Paese? Le ragioni sono molte; anche economiche.
L’economia del Kazakistan è abbastanza particolare. Pur non essendo un paese molto sviluppato, può contare su una ricchezza incredibile in termini di risorse naturali. Già, proprio quelle risorse di cui ha fame il mondo.
Questa nazione possiede innumerevoli giacimenti di idrocarburi, terreni ricchi di metalli (il 60% delle risorse minerarie dell’ex Unione Sovietica si trova in questa nazione), è il nono paese esportatore al mondo di petrolio e il decimo di carbone. Senza dimenticare che l’alleanza con la Russia è siglata anche dalla presenza sul suo territorio della base di lancio della stazione aerospaziale russa.
E non finisce qui. Il Kazakistan è il primo produttore al mondo di uranio; ne fornisce oltre il 40%. Questo metallo in forma arricchita serve per alimentare le centrali nucleari che oggi stanno diventando l’alternativa “pulita” all’uso del carbone e la risposta alla crisi climatica. Insieme alla Russia c’è un altro importante cliente di questa risorsa. La Cina, che necessita di molta energia e che ha iniziato la transizione energetica, conta sul suo territorio 54 impianti nucleari e 14 in progettazione. Insomma, l’uranio le serve.
In aggiunta negli ultimi anni il paese è diventato il secondo estrattore al mondo di Bitcoin, dietro solo agli Stati Uniti. Le aziende che prima avevano sede in Cina si sono trasferite in Kazaskistan dopo il divieto cinese di svolgere transazioni in criptovalute e l’introduzione di normative che ne limitavano fortemente la produzione. Peccato che i super computer che creano i Bitcoin divorano energia; anche per questo nel Paese ci sono stati aumenti dei prezzi, blackout e la necessità di rivolgersi alla Russia per compensare la forte domanda.
Insomma, questa nazione di cui conoscevamo poco fino a qualche giorno fa, in realtà ha una grande importanza strategica ed economica. E forse proprio per questo Russia e Cina sono sue grandi amiche.

La versione audio: Russia, Cina e Kazakistan sono grandi “amiche”

Patrimoni miliardari immuni dal Covid-19

Il Bloomberg Billionaires Index fornisce una classifica aggiornata quotidianamente delle persone più ricche al mondo. Per ogni miliardario dà la composizione del suo patrimonio. Certo è lo stesso esercizio che facciamo anche noi quando compiliamo la dichiarazione delle imposte e dobbiamo stimare la nostra sostanza. Ma se andate a spulciare uno dei tanti profili dei miliardari vi renderete conto che c’è una bella differenza tra i nostri patrimoni e i loro. Partecipazioni in società quotate in borsa, sconti da applicare in funzione dei rischi legati ai Paesi in cui si detengono partecipazioni pubbliche, valutazioni degli hedge fund, stima della liquidità; insomma deve essere proprio difficile capire quanto si è ricchi quando si è veramente ricchi.
Una cosa però è certa. Anche il COVID-19 colpisce in maniera diversa le classi sociali. Mentre milioni di persone hanno perso il lavoro e stanno chiudendo le loro attività a causa della pandemia, possiamo tirare un sospiro di sollievo perché i 500 miliardari più ricchi della terra hanno visto il loro patrimonio aumentare anche quest’anno. E pensare che subito dopo il primo lockdown mondiale eravamo preoccupati per la loro sorte, dato che i loro patrimoni avevano mostrato perdite importanti.
La notizia bizzarra è che addirittura sono i miliardari cinesi (Wuhan vi ricorda qualcosa?) ad aver visto la loro ricchezza aumentare di più: in effetti, essa è cresciuta quasi del 54%. Saremmo tentati di pensare a uno strano scherzo del destino se non fosse che anche negli anni passati la Cina ha mostrato crescite impressionanti. Non dimentichiamo che proprio studi recenti affermano che la Cina diventerà la prima potenza mondiale scavalcando gli Stati Uniti in anticipo rispetto a quanto previsto.
Ma non preoccupiamoci troppo dei miliardari statunitensi: anche loro hanno visto aumentare la loro ricchezza di oltre il 25%, un po’ di più dei “cugini” inglesi. In Europa, dove la ricchezza è aumentata mediamente “solo” del 15%, c’è anche chi si è impoverito: i miliardari spagnoli (quasi del -12%) e quelli ciprioti (-8%).
Naturalmente la ricchezza dipende dalla performance dei diversi settori economici: i servizi, la sanità, le tecnologie hanno registrato guadagni superiori al 50%, le materie prime “solo” del 32% e i settori industriali del 26%.
Ma com’è possibile che ci siano delle disuguaglianze così grandi? E la storia ha sempre mostrato queste differenze?
Da una parte è vero che la teoria economica ci insegna che per raggiungere lo sviluppo è necessario passare attraverso una certa concentrazione della ricchezza produttiva. Averla nelle mani di poche famiglie consente di accumulare macchinari e mezzi per produrre. Oggi però la situazione che viviamo è ben diversa.
Le differenze e le disuguaglianze stanno diventando insostenibili. Oltre a creare tensioni importanti tra le classi sociali, esse non sono più ritenute necessarie allo sviluppo economico, anzi.
A onor del vero, dall’inizio del XX secolo l’intervento dello Stato, le imposte progressive, l’istruzione pubblica e la maggiore solidarietà hanno ridotto le disuguaglianze. Queste politiche hanno portato nel 1980 in Europa il 10% più ricco a possedere circa il 40-50% del patrimonio. Purtroppo questo trend positivo si è arrestato attorno agli anni Ottanta, con le politiche liberiste di deregolamentazione e globalizzazione di Ronald Reagan e Margaret Thatcher oltre a quelle della finanza internazionale.
Ora, questa nuova crisi dovrà essere l’occasione per ripensare anche alla validità delle nostre politiche fiscali e soprattutto ai meccanismi che consentono un’accumulazione eccessiva.

La versione audio: Patrimoni miliardari immuni dal Covid-19