Metti due giovani, tanta voglia di fare e l’obiettivo di un’economia migliore

Sono stata contattata da due giovani imprenditori sociali, Mirco e Luca De Savelli, che hanno creato da qualche tempo Circular Lugano. Il loro progetto vuole contribuire allo sviluppo di un’economia circolare. È il Prof. Kenneth E. Boulding a far nascere questa visione dell’economia attorno agli anni Settanta. L’autore usa la metafora del cowboy e della navicella spaziale per spiegarci che la “nuova” economia deve cambiare paradigma. Non si può più estrarre materie per produrre un bene, consumarlo e buttarlo via come se fosse un rifiuto. Questo è il comportamento del cowboy che pensa di avere a disposizione praterie sconfinate in cui le risorse sono illimitate. Ma non è più così. E allora dobbiamo comportarci come se fossimo in una navicella spaziale: poco spazio e poche risorse che una volta utilizzate non devono diventare rifiuti, ma trovare una seconda vita. Se ci pensate bene, in realtà, è quello che fa la natura: anche ciò che in apparenza sembrerebbe uno scarto, diventa materia prima per una nuova vita. E Mirco e Luca, fanno proprio questo: danno una seconda, terza, quarta vita agli oggetti che altrimenti marcirebbero nelle cantine o peggio ancora finirebbero in discarica.
È un po’ come se fosse una biblioteca degli oggetti. Il beneficio è doppio: da una parte si riutilizzano beni che diventerebbero rifiuti, dall’altra si limitano gli acquisti inutili e quindi lo spreco di risorse. Le persone possono prendere a prestito un oggetto pagando un noleggio giornaliero. Questo permette di usare qualcosa senza per forza comperarlo. Per esempio, se dovessi andare in vacanza e mi servisse per qualche giorno un baule da tetto per auto avrei due opzioni: comperarlo, utilizzarlo una volta e metterlo in soffitta per i prossimi 10 anni oppure noleggiarlo, pagare 4 franchi al giorno e riportarlo. Gli oggetti sono veramente diversi; vanno dalle telecamerine moderne per filmare in movimento al pallone da Beach volley, dalle racchette da squash ai forni per pizza. Ma il più originale secondo me è il carretto per gelati.
Come ogni altra impresa, anche quelle sociali per sopravvivere devono essere autosufficienti dal punto di vista economico. Così Mirco e Luca, consapevoli che ampliare il numero di sedi e professionalizzare ulteriormente la loro attività comporta dei costi, hanno lanciato una raccolta fondi (il famoso crowdfunding) attraverso la piattaforma progettiamo.ch. Questo strumento è promosso dai 4 Enti Regionali di Sviluppo del Cantone Ticino che garantiscono dei progetti e dell’uso degli eventuali fondi raccolti. E anche la raccolta fondi attraverso le piccole donazioni è un’idea di economia sana. Ancora una volta impariamo dalla natura: tante piccole gocce fanno un oceano.
Segnaliamo che altre “oggettoteche” stanno prendendo vita nel nostro Cantone e tante sono le attività che ci portano verso un’economia sana. Il mio appello è di fare insieme tutti un piccolo sforzo per sostenere questi grandi giovani.
Così a Mirco e Luca, e a tutti i giovani e le giovani che si avventurano nel mondo imprenditoriale, il mio massimo sostegno e i miei auguri di cuore.

Il link del progetto: https://circular-lugano.myturn.com/library/

Il link per il sostegno: https://progettiamo.ch/it/progetti/2404

La versione audio: Metti due giovani, tanta voglia di fare e l’obiettivo di un’economia migliore
Photo by Aleksandr Slobodianyk on Pexels.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...